PEFS (o cellulite): cos'è, a cosa è dovuta e come prevenirla

Che cos'è la cellulite?

La cellulite o PEFS (Pannicolopatia Edemato Fibro Sclerotica) è una patologia che si manifesta maggiormente nelle donne, a partire dall’adolescenza. La pelle si presenterà a buccia d’arancia e, le zone interessate sono: i glutei, le cosce e, in alcuni casi, anche le braccia. Ma a cosa è dovuta e come possiamo evitarla?

A cosa è dovuta?

Le nostre cellule sono circondate dal liquido interstiziale. Il liquido interstiziale è una sostanza liquida che facilita i passaggi di sostanze tra cellule e vasi linfatici e sanguigni. Quando vi è un malfunzionamento di questi ultimi, le scorie emanate dalle cellule non vengono assorbite, causando così la ritenzione idrica

Questa disfunzione, se trascurata, potrebbe degenerare in cellulite

La cellulite dunque, attraversa tre stadi.

Pannicolopatia Edematosa

È quella più comune da riscontrare, soprattutto quando i vasi sanguigni perdono la loro elasticità. In questa fase, la cosiddetta buccia di arancia si evidenzia solamente nel momento in cui il tessuto viene pinzato.

Pannicolopatia Fibrosa

In questa fase, il tessuto connettivo si riempie di noduli formati dagli adipociti. La pelle si presenterà meno elastica e tonica, ma soprattutto, si presenterà ispessita, proprio per la presenza di noduli. In questo stadio, la pelle a buccia d’arancia è visibile anche senza pinzare.

Pannicolopatia Sclerotica

Nel terzo ed ultimo stadio, il pannicolo adiposo si riprodurrà, andando a creare pressione sui vasi sanguigni e linfatici, degenerando ancora di più la situazione. In questo stadio, la pelle non si presenterà più a buccia d’arancia, ma con la cosiddetta forma a materasso, per la presenza di noduli di grandi dimensioni. Soprattutto in questa fase, i noduli, causeranno dolore al tatto

Il mio consiglio è sempre quello di utilizzare l’olio essenziale di edera, qualora si voglia eseguire un auto massaggio sulle parti dolenti.

Come possiamo evitarla?

La cellulite è considerata da molti come una vera e propria patologia, in quanto, se trascurata, tende a degenerare fino ad arrivare ad uno stadio irrecuperabile.
Per questo motivo, esistono trattamenti professionali specifici per ogni stadio della PEFS e, soprattutto, un buon professionista

Quest'ultimo sarà in grado di analizzare le cause di questo inestetismo ed agire direttamente su esse.
Sicuramente, per evitare questo tipo di inestetismo, è importante adottare uno stile di vita sano e, dunque: una corretta alimentazione, bere molto e fare tanto esercizio fisico.  

A casa possiamo aiutarci con dei trattamenti fai da te che possono risultare molto efficaci soprattutto nel primo stadio di PEFS.

Step 1: Esfoliazione

L’esfoliazione è utilissima per riattivare la circolazione ed andare a creare una sorta di ginnastica vasale soprattutto su quei capillari che hanno perso la loro elasticità. L’esfoliazione può essere eseguita con un scrub al caffè, o al sale, o con un semplicissimo guanto di crine. È importante agire soprattutto sulle zone più critiche e, dunque, sui glutei, sull'interno cosce e sulle culotte de Cheval.

Step 2: Fango

In commercio ci sono numerosissimi fanghi e fanghi d’alga, validissimi. Eseguire questo trattamento una o due volte a settimana può risultare efficace non solo per la cellulite, ma aiuta anche a remineralizzare la pelle, conferendole un aspetto più morbido e sano.

Step 3: Massaggio

Il massaggio è tra gli step più importanti in una routine contro la cellulite. Manovre leggere che partono dal basso verso l’alto, lungo tutti gli arti inferiori, possono facilitare la risalita del sangue, andando così a nutrire le zone atrofizzate a causa del blocco dei capillari, ma sono soprattutto drenanti.
 
Per il massaggio ci sono numerosissimi prodotti in commercio: creme specifiche, gel caldi e/o freddi e così via. 
 
Il mio consiglio è quello di utilizzare un olio di vinaccioli. Quest'ultimo risulta utile soprattutto per trattare la fragilità capillare, con aggiunta di olio essenziale di edera nei casi in cui i noduli causino dolore.

Tisane

Come detto precedentemente, è importantissimo bere tanto. Per questo scopo possiamo aiutarci con delle tisane, come quelle, ad esempio, a base di vite rossa, sambuco, zenzero, equiseto e betulla.

0 commenti