Dall’Oriente arriva il rituale del Layering : Tappa 1 il Bagno d’olio

Sono sempre stata molto affascinata dalla bellezza e dalla cura delle donne orientali. Amano prendersi cura del loro benessere fisico e, non di rado, prendo spunto dai loro rituali per poi sperimentarli su di me. 

Con grande ammirazione, ho sempre osservato le loro splendenti e sane chiome cercando di capire quali fossero i loro segreti di bellezza. Di recente, ho approfondito il loro concetto di Layering applicato alla haircare, ed in particolare, ho fatto mia una delle tappe di questo rituale: il bagno d’olio.

Per coccolarmi con questo step utilizzo un prodotto di cui vi ho gia parlato: L'olio gel denso di Bio's
 

 

In cosa consiste il Layering

Questo rituale si fonda sulla sovrapposizione a strato di vari trattamenti che vanno così a fondersi tra loro. Ogni singolo passaggio costituisce una tappa con una specifica funzione. Questa tecnica viene praticata sia per la routine della cura del viso che per la cura dei capelli. Oggi vi mostro brevemente quali sono le 5 tappe previste per la routine dei capelli: 
 
  •  TAPPA 1: bagno d’olio 
  •  TAPPA 2: doppio shampoo 
  •  TAPPA 3: il balsamo
  •  TAPPA 4: il trattamento splendore (per dare corpo e luce ai capelli)
  •  TAPPA 5: asciugatura e messa in piega
 

La mia tappa preferita: il bagno d’olio

Veniamo ora al mio rituale preferito, il bagno d’olio! Lo considero una vera e propria coccola e, me la concedo, quando vedo i capelli particolarmente stressati e bisognosi di un surplus di nutrimento. Partiamo dal fatto che, i nostri capelli, sono già di per sé un meccanismo perfetto perché, tramite la produzione di sebo, sono protetti dalle varie aggressioni esterne, quali: fattori inquinanti o anche semplicemente l’acqua troppo calcarea durante il lavaggio. 
 
Può capitare però  che, dopo varie messe in piega o trattamenti chimici come tinte, stirature o permanenti, la tua chioma risulti molto stressata ed arida. Ecco, in questi casi, vi consiglio di fargli una coccola in più, come può esser appunto il bagno d’olio. Almeno una volta ogni dieci giorni andrebbe benissimo. 
Vedrete che già dopo poche applicazioni noterete una bella differenza in termini di lucentezza e corposità dei vostri capelli. 
 

Come si fa il bagno d’olio?

Vediamo ora nella pratica come si fa il bagno d’olio. Dal suo nome si potrebbe erroneamente pensare che si tratta di un trattamento che comporta un massiccio uso di oli, con conseguente effetto unto assicurato! In realtà, l’olio sul capello va applicato con criterio e parsimonia, anche perché, spesso, si tratta di oli pregiati
 
La vera abilità in questo caso sta nel trovare la giusta dose ed il giusto olio per la propria chioma, ma ad ogni modo, non si tratta di inzuppare i vostri capelli nell’olio come potrebbe suggerire il nome del rituale. 
 

 

Il procedimento del dettaglio

Io procedo in questo modo: districo alla perfezione i capelli per facilitarmi nella distribuzione del prodotto e, poi, con uno spruzzino contenente acqua (o un idrolato specifico per il tuo tipo di capello) inumidisco bene i capelli, dalla radice alle punte. 
 
Fatto questo, procedo con l’applicazione dell’olio scelto. Inizio partendo dalle punte e salendo fino alle radici. Il grosso del prodotto lo distribuisco proprio nella zona in cui i miei capelli hanno più bisogno, e cioè, le lunghezze. Mentre, sulla radice, metto davvero poco prodotto. Questo perché io ho un tipo di capelli misto con cute grassa e lunghezze aride, ed in questo modo, non rischio di appesantire le radici. 
 
Una volta applicato l’olio massaggio per alcuni minuti per favorirne l’assorbimento e lascio in posa per un paio di ore

Il tempo di posa può variare da minimo mezz’ora fino a tutta la notte, in base a quanto tempo avete a disposizione e, in base a come reagiscono i vostri capelli. Nel mio caso, ad esempio, ho provato sia con pose molto lunghe (tutta la notte) che con pose di un paio di ore ed il risultato, devo dire, è stato il medesimo. Per cui, procedo con massimo un paio di ore di trattamento. Sperimentate per trovare la giusta posa per voi
 

Con quali prodotti amo farlo

Per avere i risultati migliori dal bagno d’olio è necessario anche studiare quale, tra i vari oli, possa esser il più indicato per le vostre esigenze. Come saprete infatti, ogni olio ha un suo peso e sue caratteristiche quindi, un olio che va bene per me, può magari, non aver la stessa resa per voi. 
Io ho provato ad utilizzare singoli olii e, per esempio, il risultato così non mi ha entusiasmato! Nel mio caso, ottengo degli ottimi risultati utilizzando dei mix di oli, miscelando così oli più pesanti(quindi più nutrienti) con oli più leggeri. Tendenzialmente, avendo un cuoio capelluto grasso, prediligo mix di oli medio/leggeri e tra i mie preferiti vi segnalo: 
 
Ve li ho disposti in ordine di gradevolezza del risultato finale perché, tra i tre, il mio preferito per l’effetto finale è l’olio gel denso! Capelli luminosissimi, morbidi, districati e non appesantiti! Per chi invece, ad esempio, ha i capelli molto secchi e bisognosi di nutrimento, vi consiglio di provare con l'olio di mandorle, di avocado e di argan.

A che tipologia di capelli lo consiglio/sconsiglio

In generale non credo ci sia una tipologia di capello a cui sconsigliarlo, se non a quelli che, sono particolarmente refrattari all’utilizzo in generale degli oli. Difatti, se si sceglie il giusto mix di olii, anche chi ha i capelli grassi come i miei, può diventare un'amante del bagno d’olio. 
 
Questo perché si tratta di un trattamento da fare pre-shampoo, quindi il capello non risulterà in nessun modo appesantito dal rituale ma, ne prenderà solo i benefici in termini di nutrimento e di lucentezza. Io applico l’olio anche sulla cute, in piccolissime quantità, perché comunque un olio (come quello di jojoba ad esempio) specifico, aiuta anche a sebo regolarizzare la produzione di quest'ultimo. 
 
Quindi, portatrici sane di capelli grassi, non temete ad utilizzare questo trattamento perché, con uno shampoo un po' più lavante, laverete via benissimo l’impacco scongiurando così, l’antipatico effetto unto
 

I benefici del bagno d’olio

Un capello nutrito è sicuramente un capello lucido, setoso, morbido ma soprattutto più elastico! Sappiamo che l’elasticità nel capello è una caratteristica molto importante perché più i capelli sono elastici e più resistono alle sollecitazioni quotidiane senza spezzarsi
 
Di conseguenza, i vostri capelli, non spezzandosi più con facilità, tenderanno a crescere più velocemente e, soprattutto, a mantenere anche le lunghezze piene e corpose

 Per ogni dubbio o perplessità, vi aspetto nei commenti!

 A presto
 Lavinia

0 commenti