Erbe ayurvediche: Amla di Phitofilos

Cari lettori e care lettrici, 

era da un po' di tempo che volevo parlarvi di questo favoloso mondo: ovvero, delle erbe ayurvediche.

Vi dirò, non sono una grandissima esperta, mi sono approcciata a queste favolose polveri da poco ma, ho il piacere di condividere con voi la mia esperienza personale e quel che so.

 

Cosa sono le erbe ayurvediche?

Ecco, inizierei proprio da qui: cosa sono le erbe ayurvediche? Per chi non lo sapesse, le erbe ayurvediche sono delle polveri tipiche della medicina indiana (Ayurveda) che, vengono estratte dalle piante, ed erbe, essiccate. Quindi, in sostanza, sono polveri medicinali e benefiche.

Polvere di Alma

Queste polveri hanno tantissime proprietà e si differenziano tra loro, ovviamente. Possono essere polveri rinforzanti, lucidanti, lavanti, riflessanti, idratanti, seboriequilibranti, nutrienti... Insomma, ne esistono moltissime! Il segreto sta nel capire le necessità del proprio capello e, di conseguenza, individuare le erbette che fanno al caso nostro.

Possono essere utilizzate in particolar mondo sui capelli, ma anche sul viso e sul corpo

Come si preparano le erbe ayurvediche?

In realtà, è molto semplice. Anzi, una volta "presa la mano", non potrete più farne a meno, vedrete! Il risultati sono davvero impressionanti!

Come primo step versate la polvere all'interno di una ciotola capiente. Voi direte... "Bè, mi pare abbastanza logico". In realtà si, è piuttosto logico ma, quello che però dovete sapere è che, quest'ultima, non deve essere di metallo. Questo materiale potrebbe alterare le proprietà della polvere scelta, o del mix di polveri. Optate quindi per: plastica, legno o vetro.

Il passo successivo sarà quello di "trasformare" questa polvere in una consistenza simile allo yogurt (giusto per dare un'idea di riferimento). Quindi, piano piano, inserite all'interno delle erbe ayurvediche dell'acqua calda - non bollente - e mescolate fino a quando il composto sarà liscio ed omogeneo. 

A scelta, potete aggiungere anche: succo di limone, yogurt o aceto.

La foto qui di seguito è stata scattata alla mia primissima applicazione, quindi "l'impasto" sicuramente non è perfetto. Ma piano piano, vi garantisco, sono migliorata.

 Amla idratata con acqua calda

Se preferite, potete sostituire l'acqua con un infuso, ad esempio, camomilla.

Prima di applicare il vostro impacco, lasciatelo riposare per circa 15/20 minuti. Ci sono però casi dove, le erbe, hanno bisogno di una idratazione importante, anche di 12 ore (Althea e Methi). Ogni erbetta ha i propri tempi, per cui, sarà opportuno documentarsi per tempo.

Come si applicano le erbe ayurvediche?

Trascorso il tempo necessario, iniziate ad applicare il composto. Capirete voi la metodologia che più vi è semplice. Personalmente parto dalla cute per poi proseguire con tutte le lunghezze.

L'impacco deve avvenire su capelli puliti, quindi, meglio se umidi. Stendete la crema su tutta la vostra chioma e poi, avvolgete il tutto con della pellicola, quella per alimenti va benissimo.

Non saltate questo passaggio: la pellicola, per una buona riuscita, è davvero fondamentale!

Dopodiché, dovrete lasciare il tutto in posa per almeno un'ora se si tratta di erbe ayurvediche curative, ripeto, almeno. Se invece sono erbette lavanti, 15/30 minuti potrebbero andar bene.

Trascorso il tempo di posa, sciacquate con abbondante acqua calda. Quando il capello non avrà più residui di impacco, potete procedere con uno shampoo ultra delicato. Il mio consiglio è quello di continuare poi con un balsamo nutriente (le erbette tendono a seccare il capello) e poi, terminate con il risciaquo acido.

Se non volete utilizzare lo shampoo, un'alternativa potrebbe essere il co-wash

Io personalmente, utilizzo lo shampoo.

Perché i capelli devono essere puliti?

La risposta a questa domanda è molto semplice. Un capello sporco e con eccessivo sebo risulta, per le erbette, impermeabile. Ciò significa che i benifici o, nel caso delle erbe tintorie, il pigmento, non penetrino come invece dovrebbero.

Per comodità, io faccio in questo modo: lavo i capelli il giorno precedente e, il giorno successivo, procedo con l'impacco. Ovviamente, inumidisco i capelli.

Le erbe possono seccare eccessivamente il capello: rimedi?

Si, ci sono! Come più su scritto, gli impacchi possono essere arricchiti con dei componenti idratanti proprio per andare ad ovviare questa loro peculiarità. 

Vediamone qualcuno: miele (estremamente idratante), yogurt (se soffrite di forfora, meglio evitare!). Un'altra alternativa potrebbe essere il gel ai semi di lino utilizzato al posto dell'acqua calda.

Non aggiungete assolutamente olii! Schermano il capello e non permettono al trattamento di svolgere il proprio lavoro. Potete applicarlo dopo, a fine trattamento. Quando cioè dove iniziare lo styling.

Erbe ayurvediche e profumo

Ecco, l'odore di queste erbe non è il massimo. Estremamente forte, pungente e per nulla piacevole.

Oserei dire che è l'unico inconveniente di questi trattamenti. Purtroppo, non ci sono soluzioni per ciò.

Perché ho scelto l'Amla di Phitofilos?

Mi sono avvicinata al mondo delle erbe ayurvediche per pura disperazione. Non lo negherò. Arrivavo da un lungo periodo dove i miei capelli avevano subito un forte stress. Perdita di grosse ciocche di capelli, assottiliamento... insomma, stavo proprio male psicologicamente.

Ho provato di tutto, non ve lo nego. La prima medicina è quella di ritrovare un minimo di serenità mentale. Una volta che la mia mente è stata meglio ed io ero più serena, ho iniziato a testare tanti prodotti. Fino a quando mi si è aperto un mondo: le erbette ayurvediche.

Me le sono studiate un po' tutte e, quando finalmente sono riuscita a capirne qualcosa in più, ho iniziato questo mio viaggio indiano con l'Amla.

Fondamentalmente le mie necessità erano quelle di bloccare la caduta, rinforzare il capello e di ispessirlo. Il volume era anch'esso importante ma era l'ultimo tra gli obbiettivi.

Il risultato è stato davvero fantastico! Il capello, in primis, si vede ad occhio nudo che è più sano, più corposo e si, anche più voluminoso. La cute soprattutto, si nota che è "più robusta" e più forte. Cosa altrettanto importante è che ho visto uno stimolo importante per la ricrescita. Tant'è che le zone "più vuote" si sono rimpicciolite.

Chiaro che, è un percorso questo, fatto di costanza. Se pensate di applicarlo e di vedere risultati wow subito, ecco... lasciate stare. Applicazione dopo applicazione si forma una sorta di stratificazione che vi permetterà di ottenere una chioma sempre più sana e sempre più forte.

Devo dire che, anche la caduta dei capelli, ha avuto un arresto quasi totale. Va detto però che, in abbinato all'Amla, dovete utilizzare anche altri prodotti. 

Come ho già detto, le caratteristiche dell'Amla sono tante. Lascia inoltre i capelli luminosi e setosi al tatto e, infine, permette una buona pigmentazione del capello.

In molti la sconsigliano su un capello chiaro in quanto potrebbe, anche se lievemente, lasciare dei riflessi scuri. Io avendo i capelli scuri non ho potuto notare grossi cambiamenti legati al colore. Ma, quello che sicuramente su di me si è manifestato, è stato un colore più lucente e brillante.

Ho lasciato in posa per circa un'oretta ed ho fatto l'impacco con solamente la polvere di Amla. Volendo però, potete anche miscelarla con altre erbette come ad esempio Hennè o Indigofera etc...

Perché ho scelto il brand Phitofilos?

Semplicemente perché l'ho potuto conoscere dal vivo nel lontano 2018 al Sana. La più grande fiera del biologico in Italia. Il loro stand era un qualcosa di meraviglio! Molto più grande degli altri e con tantissime materie prime esposte. E' stato proprio in quel momento che mi sono avvicinata al mondo delle erbe ayurvediche.

La bustina che vedete in foto, contiene 100 gr di polvere ed io l'ho utilizzata tutta. Calcolate che io ho una lunghezza media. 

Inci: Emblica Officinalis Fruit Powder

Sono trattamenti 100% vegetali e inoltre, sono vegan.

Potete reperire le referenze Phitofilos presso il loro store e presso i loro rivenditori. 

Tra cui, www.glittercosmeticscandle.it 

 

Buoni impacchi a tutti!

 

0 commenti