Il Feng Shui: l'arte di arredare la casa con armonia

Il Feng Shui è un'arte orientale, di origine cinese, che si propone di supportare l'architettura tradizionale nella progettazione delle abitazioni e nella scelta dei mobili per l'arredamento. 

Gli spazi vengono organizzati in modo da creare una vera e propria armonia tra l'interno e l'esterno della casa.

Il termine Feng Shui richiama le parole “vento” e “acqua” che, secondo la cultura cinese, equivalgono a salute, felicità, pace e prosperità
 
I principi del Feng Shui tengono conto della presenza di campi magnetici ed energetici nella disposizione degli arredamenti
 
Ogni scelta è volta alla creazione di ambienti accoglienti che sappiano promuovere il benessere di chi li abita. Scegliere di arredare la propria casa con consapevolezza, seguendo i principi e i consigli del Feng Shui, permette di trascorrere il proprio tempo in spazi gradevoli, confortevoli e ordinati, adatti ai momenti di relax, ad accogliere gli ospiti o al lavoro.

Fonte immagine: Pinterest

 

Prima regola, il decluttering: ovvero fare ordine

Ci troviamo di fronte ad un termine inglese che letteralmente indica l’azione di fare spazio, eliminando ciò che risulta ingombrante. 
Il decluttering si associa in tal senso allo “space clearing”, nella definizione dell’arte di liberarsi del superfluo per vivere meglio, distaccandosi da oggetti che evocano ricordi spiacevoli e che ci legano eccessivamente al passato.

Nel Feng Shui l’ordine è la prima regola. Prima di occuparsi di spostare il divano o lo specchio, è bene mettersi all’opera per liberarsi del superfluo. 
L’accumulo di oggetti inutilizzati o in disordine, secondo il Feng Shui, impedisce il fluire delle energie positive e può creare delle situazioni di stasi in grado di influire negativamente sul benessere della vita domestica. 

È dunque opportuno cercare di riordinare ogni giorno e di liberarsi di ciò che non serve, ovviamente nel modo più ecologico possibile, ad esempio grazie al baratto. 
Il principio da seguire è molto semplice: basta il giusto.

 

La scelta dei colori secondo il Feng Shui: le energie

La scelta dei colori è molto importante per il Feng Shui, ognuno ha un proprio significato e genera una serie di emozioni e sensazioni.
 
In generale, i colori derivano da yin-yang e dalle sue sfumature: il massimo della luce è lo yang, l’assenza di luce è lo yin, nel mezzo ci sono i colori così come vengono percepiti dall’occhio umano. 
Ogni colore ha un proprio tipo di energia, un’informazione che raggiunge il nostro subconscio e lo influenza, anche se, ne siamo inconsapevoli. 

Vediamo a cosa viene associato ciascun colore nel Feng Shui

  • Verde – energia. Legno: Dove c’è verde c’è vegetazione e quindi acqua e cibo, fondamentali per la nostra sopravvivenza. Più è intenso, più l’ambiente risulta favorevole. Viene impiagato quando è necessario trasmettere tranquillità, distensione, cooperazione.
  • Rosso, celeste – energia. Fuoco: Sono colori attivanti, per cui vanno impiegati con moderazione e negli ambienti in cui vengono svolte delle attività
  • Giallo, marrone, grigio opaco – energia. Terra: Le sfumature più o meno tendenti al colore della terra fanno diventare questi colori quelli di fertilità, abbondanza e accumulo (terra fertile) oppure quello di solidità e stabilità (terra roccia). Perfetto per le zone giorno, in particolare per la cucina, è invece da evitare nelle zone della casa dedicate al riposo come la camera da letto.
  • Bianco, argento, metallizzato – energia. Metallo: Favoriscono la ricerca interiore e tendono a calmare
  • Toni del blu – energia. Acqua: Anche in questo caso la tonalità porta più o meno verso yin e yang. Le tonalità scure sono yin, quelle chiare sono yang: il rischio è quello di scivolare nella malinconia. La soluzione può essere evitare i blu più profondi e optare invece per quelli più chiari. 
  • Nero: difficile immaginare di dipingere un’intera stanza di nero, ma è un colore pur sempre presente in molte case. Molto simile al blu, ha una connotazione però ancora più enigmatica e seria. Da usare con molta parsimonia ed assolutamente vietato nella camera dei bambini.
 
Fonte immagine: www.hellogreen.it

 

La disposizione delle stanze e dei mobili

  • Camera da letto: deve trovarsi lontano dalla strada e dal portone d’ingresso. Il letto dovrebbe essere collocato trasversalmente, con la testata orientata verso est, nell’angolo diagonalmente opposto all’ingresso della stanza. Testa e piedi non devono puntare verso l’ingresso della stanza. Non posizionare specchi in camera da letto: questi hanno la capacità di disturbare il campo energetico. Eliminare dalla camera elementi, come il pc e il cellulare, che rubano energie. 

  • Salotto: in questa stanza il divano deve essere sistemato rivolto verso la porta d’entrata per sottolineare l’accoglienza verso l’ospite e con lo schienale contro un muro per sottolineare un senso di protezione. 

  • Cucina: anche qui devono circolare energie positive, nel rispetto dei punti cardinali e sparire quelle negative. Il luogo deve essere sempre ordinato e pulito e la porta non dovrebbe stare alla spalle di chi cucina in modo da favorire tranquillità. Il forno dovrebbe stare lontano sia dal frigorifero che dal lavello e le forme dei mobili dovrebbero essere morbide e senza spigoli. 

  • Bagno: questo può essere ovunque nella casa. L’importante è che la porta del bagno non si affacci sulla cucina, in modo da impedire la diffusione dei germi, e che questo abbia una finestra per arieggiare. 

  • Giardino: curato in ogni dettaglio con piante sistemate e senza foglie secche. Un giardino poco amato attrae energie negative.

Fonte immagine: www.casatherapy.it


Il Feng Shui ci invita a portare armonia nella nostra vita, come nella nostra casa!


A presto!

Valentina

0 commenti